La poesia dell’universo: Franco Piavoli VENERDI’ 4 NOVEMBRE 2022 ore 20.45
lunedì 24 ottobre 2022, 14:37
Filed under: cinemapiù 38

IL PIANETA AZZURRO
Italia 1982 90’
di: Franco Piavoli

Il_pianeta_azzurro

In Val Bruna l’uomo e la natura convivono ancora in maniera tutto sommato armonica. La vita si risveglia dai rivi e dai boschi, gli insetti e i piccoli animali vedono un nuovo giorno sorgere, l’uomo compare impegnato a coltivare una terra che dà frutti sani e abbondanti. Il sole compie il suo giro e lascia spazio alla notte, così come la primavera e l’estate cedono il passo all’autunno, con il riposo dell’ambiente e degli strumenti dei contadini e la nebbia che risale le valli. Fu Silvano Agosti a regalare a Franco Piavoli la cinepresa e la pellicola per girare Il pianeta azzurro, il suo primo lungometraggio. Per due anni il regista, con pochi collaboratori, ha ripreso il ciclo delle stagioni, l’eterna meraviglia della rinascita e del consumarsi della vita, indagando le consonanze e i riconoscimenti tra il mondo naturale e la vita umana, fatti entrambi di amori, nascita, morte, rigenerazione, dolore. Film di luminosa contemplazione, documentario che costruisce la sua narrazione sulla naturale giustapposizione delle immagini: Piavoli posa il suo sguardo delicato e partecipe sui più arcaici e immutabili fenomeni, stringe sul microscopico e allarga il campo alla distesa varia e infinita del paesaggio. Un film poetico e prezioso. Presentato in concorso alla Mostra di Venezia; Nastro d’argento a Piavoli come miglior regista esordiente.
Longtake

Commenti disabilitati


Omaggio a Jean-Luc Godard VENERDI’ 21 OTTOBRE 2022 ore 20.45
lunedì 24 ottobre 2022, 14:20
Filed under: cinemapiù 38,Video

QUESTA E’ LA MIA VITA
Vivre sa vie
Francia 1962 85’
di: Jean-Luc Godard
con: Anna Karina Saddy Rebbot André Labarthe Guylaine Schlumberger Brice Parain Peter Kassowitz

questa-è-la-mia-vita-loc

Film in dodici quadri “pensato, dialogato, girato, montato, in breve: diretto da J-L Godard”, Questa è la mia vita (pedestre titolo italiano che spezza la rotonda ambiguità di Vivre sa vie) è una bruciante riflessione sulla natura e sui limiti della rappresentazione cinematografica. L’autentico protagonista del film non è Nanà (un’Anna Karina in stato di beatitudine) né, più ampiamente, il fenomeno della prostituzione nella Parigi dei primissimi anni Sessanta, ma il linguaggio: il linguaggio come strumento e calco del pensiero, il linguaggio come sistema di rappresentazione, il linguaggio come luogo di ricerca e sperimentazione. Godard mette in scena la vicenda di Nanà – giovane impiegata che finirà per prostituirsi ed essere accoppata durante uno scontro a fuoco tra macro – impiegando una serie impressionante di soluzioni espressive: inquadrature fisse impassibili, rapide panoramiche orizzontali, carrellate laterali e semicircolari, lunghissimi piani sequenza, camera car “perlustrativi”, jump-cut a raffica, riprese documentaristiche, soggettive “danzanti”, interpellazioni e oggettive irreali. Insomma, non c’è figura del linguaggio cinematografico che non faccia la sua comparsa nel film. Godard, è lampante, sta cercando di rispondere a una domanda cruciale: qual è il modo giusto per rappresentare la vita? Come si fa riformulare cinematograficamente la realtà senza tradirla? Ogni scelta è a rischio di errore e menzogna, ovviamente, e il filosofo Brice Parain ricorda a Nanà (e allo spettatore) che nel linguaggio menzogna ed errore sono pressoché inscindibili e indiscernibili. Evidentemente a Godard preme moltissimo trovare le parole cinematografiche “giuste”, quelle che riescano ad esprimere esattamente ciò che vogliono significare, senza ferire, senza straziare. Ma l’esattezza linguistica presuppone una pratica costante, un esercizio continuo, una ricerca instancabile: consapevole della fallibilità della sua sperimentazione, in Vivre sa vie Godard esplora problematicamente tutte (o quasi) le soluzioni espressive che il linguaggio cinematografico gli mette a disposizione. C’è un che di struggente, di commovente in questa sperimentazione, come se accanto alla coscienza positiva della ricerca fosse sempre viva e palpabile una contrastante tensione negativa, come se la fiducia dell’impresa fosse accompagnata da un sotterraneo brivido di sfiducia: la moltiplicazione delle opzioni linguistiche non rischia forse di disintegrare l’unità dell’idea di partenza? La proliferazione delle soluzioni espressive non condanna forse alla parzialità, alla relatività dei punti di vista? La soluzione inevitabilmente provvisoria e incompleta offerta da Godard è uno splendido film in dodici quadri che aspira all’assolutezza della rappresentazione (l’espressione assolutamente adeguata alla vita stessa), enunciandone e denunciandone paradossalmente l’impossibilità: “Volevo dire questa frase con un’idea precisa e non sapevo quale fosse la maniera migliore di esprimere quest’idea. O meglio, lo sapevo ma adesso non lo so più, mentre, appunto, dovrei saperlo”. Parola di Nanà.
Mymovies.it, Alessandro Baratti

Commenti disabilitati


cinemapiù 38
lunedì 10 ottobre 2022, 14:22
Filed under: Senza categoria

cine38 1

Commenti disabilitati


Sostieni il nostro progetto alla Coop
sabato 01 ottobre 2022, 10:40
Filed under: Arci

PIÙ VICINI
Dal 1° al 31 ottobre fai una scelta che migliora la tua comunità.

Puoi sostenere il nostro Progetto Murales: Realizzazione di murales da parte di bambini seguiti da un docente alla Coop di Ronchi e Monfalcone, come?

cultura+vicini_arci curiel

Facendo i tuoi acquisti in qualunque punto vendita Coop Alleanza 3.0: ogni 15€ di spesa (e multipli) ti viene consegnato un gettone cartaceo che puoi inserire nell’urna presente appena fuori dall’area delle casse, la nostra urna però è presente solo alla Coop di Ronchi.

E se sei socio, puoi scegliere due volte: sulla tua Carta socio viene caricato in automatico un gettone online per ogni gettone cartaceo ottenuto. Sul sito e sull’app di Coop Alleanza 3.0 infatti puoi scegliere il nostro progetto da sostenere, fino al 2 novembre 2022.

+vicini-kit-WhatsApp

 

Commenti disabilitati


Ginnastica per adulti 2022-2023
sabato 01 ottobre 2022, 10:25
Filed under: Ginnastica

CORSO DI GINNASTICA PER ADULTI
Riprende il corso di ginnastica per adulti organizzato dall’arci.

Le lezioni si svolgeranno ogni mercoledì e venerdì dalle 19.40 alle 20.40 presso la palestra comunale della scuola primaria di San Canzian.

A differenza degli ultimi anni, le lezioni si svolgeranno ogni MARTEDI’ e GIOVEDI’ dalle 19.30 alle 20.30 presso la palestra comunale della scuola primaria di San Canzian.

inizio: martedì 4 ottobre

iscrizione: 10 euro
quota mensile: 25 euro

1a lezione di prova gratuita

unnamed-6

Commenti disabilitati



arci