Assemblea soci 2019
domenica 26 aprile 2020, 20:40
Filed under: Arci

CONVOCAZIONE ASSEMBLEA DEI SOCI DEL CIRCOLO ARCI EUGENIO CURIEL

Cari soci, è convocata l’Assemblea del nostro Circolo in data mercoledì 6 maggio 2020 alle ore 20.30 in prima convocazione e ALLE ORE 21.00 in seconda convocazione, in video conferenza viste le disposizioni vigenti causa coronavirus, con all’ordine del giorno:

  • Relazione del Presidente
  • Presentazione bilancio consuntivo 2019 e preventivo 2020
  • Indirizzo programmatico dell’attività sociale
  • Rinnovo delle cariche sociali
  • Varie ed eventuali

In attesa di vedervi, cordialità

Il Presidente
Lucio Furlan

Scriveteci all’indirizzo arciecuriel@gmail.com per avere le istruzioni operative per la videoconferenza

Commenti disabilitati


SOSPENSIONE RASSEGNA
lunedì 09 marzo 2020, 12:17
Filed under: Arci,Cinemapiù 37,Video

A seguito dell’emanazione del DPCM 8/3/2020 recante ulteriori misure per il contenimento e il contrasto del diffondersi del virus Covid-19 sull’intero territorio nazionale, vi informiamo che la rassegna di Cinemapiù è da ora sospesa fino ad altra comunicazione.

Commenti disabilitati


Into paradiso – venerdì 6 marzo 2020 ore 20.45
venerdì 21 febbraio 2020, 21:53
Filed under: Cinemapiù 37,Video

Italia   2010   104’
di: Paola Randi
con: Gianfelice Imparato, Saman Anthony, Peppe Servillo, Eloma Ran Janz, Gianni Ferreri

Storia di una convivenza forzata tra Alfonso, timido scienziato napoletano disoccupato, e Gayan, ex campione di cricket dello Sri Lanka in un fóndaco chiamato Paradiso nel cuore di Napoli, in una catapecchia abusiva sul tetto di un palazzo. (Into da leggersi come int’o , dentro a). Licenziato quasi 50enne, il depresso Alfonso si rivolge a un ex compagno di scuola, consigliere comunale colluso con la camorra, e si ritrova coinvolto in una pericolosa storia di malavita dove Gayan diviene prima ostaggio, poi unico alleato di Alfonso. 1° LM della milanese Randi, laureata in giurisprudenza e studiosa di disegno e pittura. Ricco di sorprese piacevoli tra cui il buffo camorrista Cacace, “è un piccolo grande film leggero come una foglia ma denso di arguzia e non avulso dalla critica sociale” (A.M. Pasetti).
Il Morandini

Commenti disabilitati


Fiori d’equinozio – venerdì 21 febbraio 2020 ore 20.45
venerdì 14 febbraio 2020, 21:21
Filed under: Cinemapiù 37,Video

Higanbana   Giappone   1958   120’   v.o. s/t italiano
di: Yasujirō Ozu
con: Shin Saburi, Kinuyo Tanaka, Ineko Arima, Yoshiko Kuga, Keiji Sada, Teiji Takahashiù

Il titolo allude alla pianta dell’amarilli (Amaryllis Belladonna) che in Giappone fa sbocciare i suoi fiori rossi (o bianchi) intorno all’equinozio di autunno (23 settembre). 1° film a colori di Ozu che li usa con parsimonia, opponendo le tenui tinte degli interni domestici a chiazze di rosso (attenzione al bollitore!). Ex ufficiale di Marina, Mikani è un padre così autoritario che obbliga la figlia maggiore Fumiko a scappare di casa per andare a vivere con il fidanzato pianista. Si dimostra altrettanto intransigente con Taniguchi che gli chiede il consenso di sposare l’altra figlia Setsuko che, invece, ha l’appoggio della madre e di un’amica, anche lei con gli stessi problemi. Solo gli amici riescono a convincerlo a una riconciliazione. Scritta da Ozu con Kogo Noda e Ton Satomi, autore del romanzo omonimo. L’avvio drammatico della storia si stempera in cadenze più leggere, non prive di ironia anche perché la figura del padre è contraddittoria, incrocio tra tradizionalismo giapponese e influenza liberale occidentale. Ozu conduce il gioco con l’abituale, squisita maestria.
Il Morandini

Commenti disabilitati


Lo spazio bianco – venerdì 14 febbraio 2020 ore 20.45
venerdì 07 febbraio 2020, 21:08
Filed under: Cinemapiù 37,Video

Italia   2009   98’
di: Francesca Comencini
con: Margherita Buy, Gaetano Bruno, Giovanni Ludeno, Antonia Truppo, Guido Caprino

6° film, e il più riuscito, di una regista che dal 1995 ha diretto anche 6 documentari. È la storia di un’attesa. A 42 anni Maria vive a Napoli, insegna italiano in una scuola serale per adulti. È una donna autonoma, energica, spigolosa, che decide tutto da sola. Si trova incinta, senza volerlo, di un uomo che prende il largo, e al 6° mese ha un parto prematuro. La piccola è messa in incubatrice e Maria, da sola, aspetta che nasca o muoia. Dal romanzo (2008) di Valeria Parrella, prodotto da Fandango con Rai Cinema, adattato con Federica Pontremoli, è uscito un film intenso e originale sul tema della maternità, vario nell’azione e negli ambienti (il reparto di terapia intensiva; la scuola, mobile e precaria; lo sfondo contraddittorio di Napoli che riflette quello nazionale), ricco di figure di contorno e di lucidi agganci con la società. Prende, emoziona, inquieta, sconcerta e fa aspettare anche lo spettatore. È realistico ma anche visionario e corre via, leggero, storia di una solitudine che si apre agli altri. La Buy non è solo di una bravura interpretativa superiore a ogni elogio. Deve anche esserci stato, tra lei e la regista, un lavoro di fertile collaborazione che sfiora la simbiosi.
Il Morandini

Commenti disabilitati


Crepuscolo di Tokyo – venerdì 7 febbraio 2020 ore 20.45
venerdì 24 gennaio 2020, 21:33
Filed under: Cinemapiù 37,Video

Tokyo boshoku   Giappone   1957   140’   v.o. s/t italiano
di: Yasujirō Ozu
con: Setsuko Hara, Ineko Arima, Chishû Ryû, Isuzu Yamada, Teiji Takahashi

Takako e Akiko sono state abbandonate dalla madre e sono cresciute con il padre. Con lui tornano a vivere quando la prima lascia il marito alcolizzato e la seconda non riesce a proseguire la relazione con uno studente, Ken, da cui aspetta anche un figlio. Sarà proprio la ricerca di Ken, incallito giocatore d’azzardo, che porterà Akiko a incontrare una donna che sembra conoscere davvero troppo sul suo conto. Solo una madre potrebbe sapere così tante cose… Ambientato d’inverno e quasi sempre di notte, è uno dei più amari e disperati film di Ozu: “… ripropone la crudeltà, l’indifferenza, l’incertezza, l’assenza di valori… di una generazione sospesa tra l’irresponsabilità del passato e il buio del presente” (Dario Tomasi). Tutti i personaggi sono soli. Fotografia livida, musica poca, ritmo lento, cinepresa poco mobile, ellissi temporali o spaziali.
Il Morandini

Commenti disabilitati



arci